puoi anche non vederlo  

visto su Sky
Michele è un uomo famoso e superficiale, la cui vita è basata sulla conquista di belle donne e sull'ostentare status symbol di lusso sui servizi di rete sociale e non solo. La sua vita, però, cambierà durante un viaggio a Budapest. Derubato della sua costosa auto, dei documenti e del portafoglio dopo una notte di bagordi a base di sesso, alcool e pasticche, viene successivamente aggredito da tre uomini davanti ad una pattuglia di polizia, che poi lo arresta e lo consegna in un campo di detenzione. Da lì riesce a scappare con quattro detenuti di colore, prima rubando la stessa auto della polizia che l'aveva arrestato e poi proseguendo a piedi. Arrivati alla frontiera si separa dagli altri, tranne Mugambi che era sparito dalla sera prima, e continua da solo. Incontra una donna con l'auto in panne, Ursula, che si rivela essere la comandante della locale stazione di polizia slovena che lo arresta. Nella cella accanto ritrova Mugambi e dopo una serie di insulti reciproci, Michele si accorge che la porta della sua cella è aperta, così fa scappare anche Mugambi.

Una volta fuori si scopre che Ursula li ha fatti scappare volutamente, per mandarli verso una prigione diversa, un campo di lavoro per migranti senza documenti. Lì Michele incontra Babelle, una bella ragazza con cui poi scappa insieme a Mugambi. La mattina dopo Babelle è sparita e si scopre che ha estorto ad uno il luogo e all'altro la combinazione per aprire una cassaforte che contiene dei documenti falsi per entrare in Italia.

Riescono comunque tutti e tre a ritrovarsi nella stanza ma Babelle dà una scarica col taser ad entrambi e ruba i documenti falsi per scappare. Alla fine, Michele si risveglia sentendo il coro degli alpini, ruba una divisa, ma lo scoprono mentre sta passando il confine, lo arrestano e lo riportano in Slovenia, mentre Babelle e Mugambi approfittano della confusione per entrare in Italia. Michele cerca di convincerli di non essere tunisino.
      



Pin It

Persone in questa conversazione

Commenti (1)

Voto 0 fuori da 5 basato su 0 votanti
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Battute che non fanno ridere, solita trama... gli immigrati sono come noi e i razzisti sono teste di cazzo... poi il razzista li conosce e cambia idea. Vale la pena vederlo solo per Fatou N'Diaye


https://www.gstatic.com/tv/thumb/persons/222635/222635_v9_ba.jpg

  Ultima modifica commento su 7 mesi fa da Franco Franco
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.
Rate this post:
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione